Cos’è il Glutammato?

Il glutammato monosodico (MSG) è uno dei più comuni additivi utilizzati dall’industria alimentare come esaltatore di sapidità (sigla E621), lo possiamo trovare palesemente nel dado ma anche “nascosto” nelle patatine, nelle salse, nei piatti pronti surgelati, nei ripieni e in molti altri cibi.

A livello chimico è un sale di sodio dell’acido glutammico, un aminoacido naturalmente presente in molti cibi che nell’organismo ha la funzione di neurotrasmettitore. Nonostante le autorità garanti la sicurezza alimentare abbiano dichiarato la “non nocività” del MSG, esistono molti studi che parlano di eccitossicità, ossia di danno conseguente all’accumulo di acido glutammico e sovrastimolazione dei recettori a livello delle cellule nervose. Come spesso accade quindi è la dose che fa il veleno. Essendo l’acido glutammico presente in diversi cibi animali e vegetali, la sua dose fisiologica viene normalmente assunta se si consuma “cibo vero” (naturale, non processato a livello industriale, che segue le regole di stagionalità e territorialità), il problema insorge nell’accumulo che avviene in seguito al consumo di cibi industriali nei quali viene aggiunto il glutammato monosodico.

Ma perché è così diffuso l’utilizzo del glutammato monosodico?

All’interno dei cibi confezionati il MSG interagisce con altre due molecole dal nome complesso, l’inosil-5-monofosfato (IMP) e il guanosin-5-monofosfato (GMP) generando il gusto “umami”. L’umami è uno dei 6 gusti fondamentali percepiti dalle nostre papille gustative (gli altri sono il dolce, l’amaro, il salato, l’acido e il grasso) e la stimolazione dei suoi recettori attiva i meccanismi edonistici provocando dipendenza e compulsione. Ovviamente il fine ultimo è puramente commerciale e tutto ciò va a danno del consumatore in quanto l’uso e l’abuso di questi prodotti creano danni a breve e lungo termine come malnutrizione e malattie metaboliche.

Cosa fare?

La scelta consapevole di cibo naturale, a km zero, carne allevata allo stato brado, pesce pescato, uova bio e prodotti vegetali da agricoltura biologica, costituisce un’arma a nostro favore per contrastare l’epidemia di sovrappeso ma anche per scongiurare gli effetti negativi a lungo termine, ancora in parte sconosciuti, che  gli additivi, i conservanti, i coloranti possono generare sul nostro organismo.

E se vogliamo insaporire i nostri piatti?

Usiamo spezie e erbe oppure facciamo il dado fatto in casa!

Fonte: Inganno alimentare di Gianpaolo Usai

31/03/2022

Il glutammato monosodico: un buon motivo per fare il dado in casa

Cos’è il Glutammato? Il glutammato monosodico (MSG) è uno dei più comuni additivi utilizzati dall’industria alimentare […]
26/02/2021

Focus sulle patologie autoimmuni: la Tiroidite di Hashimoto

La Tiroidite di Hashimoto, è una tra le patologie autoimmuni più diffuse. Il concetto chiave è […]
08/12/2020

Menopausa e dintorni

La menopausa è il periodo della vita di una donna in cui esce dalla fertilità e […]
06/12/2020

Lipedema, it’s not your fault!

Lipedema, it’s not your fault! Il perché di questo titolo lo scopriremo più avanti, partiamo dall’inizio […]
09/04/2020

MINDFULNESS, alla riscoperta del “qui e ora”.

  “L’attività dalla mente è intensa e continua e molto spesso non è collegata alla realtà […]
20/05/2019

Tolleranza orale ridotta: cause scatenanti e approccio funzionale alle food sensitivities

Sempre più persone, soprattutto quelle che combattono contro patologie autoimmuni o croniche o neuroinfiammatorie, sono familiari […]
28/04/2019

Intolleranza all’istamina, un esempio in cui “One size does not fit all”

Anche (e soprattutto) quando si parla di alimentazione non vale il detto “one size fits all”, […]
17/02/2019
giovanna pitotti rapa rossa nutrizione funzionale

La barbabietola rossa, un vero e proprio superfood per il cuore.

La barbabietola(Beta vulgaris) rossa, chiamata anche rapa rossa, è una particolare varietà di barbabietola, una pianta erbacea […]
25/01/2019

Cos’è la medicina funzionale?

La MEDICINA FUNZIONALE: alla ricerca delle cause alla “radice” delle patologie La medicina funzionale è un […]
01/01/2019

Componenti bioattivi degli alimenti

Molti alimenti possono essere considerati “funzionali”, ossia in grado di modulare alcune funzioni fisiologiche e, per […]
13/09/2018

L’endometriosi: quando gli ormoni ci remano contro.

Il 7-10% delle donne soffrono di endometriosi, condizione debilitante a livello psicofisico che causa forti dolori […]
14/05/2018

Mitocondri: piccoli grandi amici

I mitocondri I mitocondri sono strutture, presenti in ogni cellula, deputate alla produzione di energia sfruttando […]
09/05/2018

La Medicina Funzionale, un viaggio da Chicago al Metodo Apollo

Articolo scritto per il sito http://www.psoriasimetodoapollo.com Dalla Nutrizione Funzionale… Mi è sempre piaciuta l’idea di una visione […]
15/04/2018

Colazione: è importante farla?

Significato evoluzionistico della colazione e del digiuno. La colazione è un pasto molto importante della giornata. […]
31/01/2018

Dieta Mediterranea, siete sicuri di fare quella vera ?

La dieta mediterranea tradizionale La dieta Mediterranea costituisce un insieme di regole alimentari ispirate alla tradizione […]
26/12/2017

Carico tossico e Dieta

Tossine e carico tossico. Ogni giorno gli organi deputati alla detossificazione lavorano per eliminare i contaminanti […]
18/11/2017

La nutrizione funzionale.

Viaggio alla scoperta della nutrizione funzionale Viviamo in un mondo dove tutti parlano di nutrizione. Siamo […]
01/11/2017

Blu/viola, benessere cardiovascolare e cerebrale

BLU/VIOLA I vegetali e frutti di colore blu/viola  da molti sono considerati una vera e propria […]
25/10/2017

Arancio/giallo sostegno della funzione visiva

ARANCIO I cibi di color arancio sono importati per la protezione del sistema immunitario, per la […]
23/10/2017

Il rosso: benessere per il cuore

ROSSO I cibi rossi contengono fitonutrienti che migliorano le funzioni cerebrale, cardiaca, epatica, immunitaria e aiutano […]
28/08/2017

Caffè e insonnia, un binomio scindibile?

La caffeina è considerato un agente farmacologico in quanto il suo principio attivo, la caffeina (1,3,7-trimetilxantina), possiede […]